San Martino, festa del mondo agricolo viva tutt’oggi

castagnaccio-toscano
la Redazione
11 novembre 2016

L’11 novembre segnava la fine delle attività agricole e per le famiglie di contadini significava pensare già alla stagione successiva

Un tempo nelle campagne questa era una giornata importante perché venivano a scadenza contratti agrari,  si tiravano i conti fra proprietari e mezzadri, scadevano anche gli affitti delle abitazioni. C’era aria di festa perché circolava denaro e si conosceva il risultato dell’annata agraria. Protagonista delle tavole era l’oca, oltre alle castagne e al vino novello. Ancora oggi si usa celebrare questa festa consumando le castagne, con le quali si possono cucinare dolci tradizionali come il castagnaccio toscano.

Ingredienti: 1 kg di farina di castagne, 200 grammi di pinoli, 200 grammi di noci sgusciate, 2 rametti di rosmarino, sale, olio extravergine di oliva.

Ecco come procedere. Mettete la farina di castagne in una ciotola e scioglietela con l’acqua. Mescolate per  eliminare tutti i grumi (1). Ottenuta una pastella aggiungete mezzo cucchiaino di sale e mescolate. Versate il tutto in una teglia foderata con carta da forno ben inumidita (2), aggiungete le noci tritate grossolanamente, i pinoli, gli aghi di rosmarino e un filo d’olio (3). Cuocete in forno a 200 °C per un’ora.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Mele pronte per la raccolta Cucina
Sidro di mele fatto in casa Per prima cosa bisogna tagliare le mele a piccoli pezzi e metterle in un recipiente dove devono riposare per 6-8 ore a circa 12-15 °C, quindi si centrifugano. Il succo… (continua)
016#09289_(1111)-foto-16 Cucina
Il pane di San Martino È un pane che si presta ad accompagnare piatti a base di carni rosse, ma è delizioso a colazione, spalmato con marmellate o confetture non particolarmente dolci. Ingredienti: 400 grammi… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER