Compost a coltura iniziata? Attenzione

Compost pronto all'utilizzo. Attenzione all'utilizzo a coltura in corso
la Redazione
30 aprile 2014

Il compost non è possibile utilizzarlo quando vi sono colture in atto. Bisogna aspettare almeno la fine del primo raccolto e solo se veramente necessario.

L’utilizzo del compost, in questo periodo, è piuttosto limitato dato che in tutte le aiole vi sono colture in atto. Quando avete terminato la raccolta di alcuni ortaggi (lattughe da cespo e da taglio, piselli, ecc.) e lavorato il terreno per piantare le seconde colture, potete interrare compost maturo (2-3 chilogrammi per metro quadrato), ma solo in terreni poco fertili e unicamente nelle superfici dove metterete a dimora ortaggi abbastanza esigenti e a ciclo lungo (come per esempio cavolfiori, broccoli, cavoli cappucci, verze, cavoli di Bruxelles tutti di varietà medio-tardive e tardive). Un uso più generalizzato del compost prima dell’attuazione delle colture di secondo raccolto (cioè nella maggior parte delle aiole lasciate libere dalle coltivazioni precendenti) può essere preso in considerazione solo se disponete di suoli molto poveri oppure da poco messi a coltura in cui desiderate rendere più rapido il miglioramento fisico del suolo e aumentare l’attività degli organismi contenuti nel terreno. Evitate comunque, in linea di massima, di usare compost prima di colture come lattughe, valerianella, spinaci, ravanelli.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Topinambur-coltivato-orto-coltivare Orto
Coltivare il topinambur nell’orto di casa Il topinambur, detto anche ciapinabò, tupinabò, taratufolo, trifola, patacca, carciofo di canna, patata del Canada, ecc., è una pianta erbacea spontanea, parente stretta del girasole, dal quale però differisce per… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER