Fagiolini rampicanti: facili da coltivare

fagiolino rampicante ben sviluppato
la Redazione
1 maggio 2020

I fagiolini rampicanti sono facili da coltivare e forniscono un raccolto molto abbondante. Lasciate passare almeno due anni prima di coltivarli di nuovo nella stessa aiola

I fagiolini rampicanti si adattano a diversi tipi di terreno, in tutti i casi, però, deve essere curato lo sgrondo dell’acqua dalle aiole. Questi ortaggi danno buoni risultati in terreni con sostanza organica: si consiglia la semina dopo una coltura molto letamata (pomodoro, zucchino, ecc.) perché possano usufruire della fertilità residua che lasciano questi ortaggi.

La semina può essere fatta fino a metà giugno. Le distanze tra le file variano da 80 a 120 cm tra le file e 10-15 (20) cm sulla fila. La semina si può eseguire anche a postarelle collocando 3-5 semi in ognuna. Tra una postarella e l’altra si tengono 35 cm. Collocare, prima della semina o il trapianto, i sostegni (alti almeno 2 metri) per consentire lo sviluppo delle piante rampicanti. I fagiolini rampicanti vanno seguiti con frequenti, ma contenute, irrigazioni, in particolare nel corso della piena estate. La raccolta dei fagiolini rampicanti si esegue prima che i baccelli raggiungano la loro lunghezza completa perché potrebbero diventare filosi e poco graditi al consumo. Successivamente, i fagiolini rampicanti devono essere portati in un luogo fresco o conservati in frigorifero.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

compost Giardino
Compost, come produrlo con successo Innanzitutto la compostiera va posizionata in un luogo ombreggiato, protetto dalle correnti fredde, su un terreno piano e leggermente zappato per favorire l’azione dei lombrichi e lo scambio di microflora… (continua)
impianto-irrigazione-orto Orto
Come irrigare gli ortaggi risparmiando tempo e acqua Nella gestione e nella cura dell’orto, l’irrigazione è senza dubbio l’operazione che richiede più tempo in assoluto, soprattutto in annate che presentano lunghi periodi siccitosi. Per ottimizzare il lavoro, e… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER