Come accatastare al meglio la legna per la stufa o il camino

catasta-tettoia-immagine-in-evidenza
la Redazione
4 novembre 2016

Oltre a evidenti vantaggi estetici e pratici, posizionare la legna seguendo alcuni semplici criteri permette di disporne, all'occorrenza, con buone caratteristiche per la combustione

Il potere calorifico della legna dipende dalla quantità d’acqua che contiene ed è tanto maggiore quanto più è secca; è molto importante quindi la stagionatura dopo il taglio, pratica con la quale la legna è lasciata al sole e al vento per l’essiccazione. A tale scopo è necessario disporre di una tettoia o di un riparo coperto ma al tempo stesso ventilato.

Il quantitativo di legna da conservare dipende dal consumo medio annuo e bisogna tener conto che la legna con età di stagionatura superiore ai due anni non perde più umidità e quindi non è economico e funzionale avere grandi quantità che si accumulano nel tempo. Inoltre, di norma, la legna viene consumata nell’inverno successivo a quello del taglio: almeno un’estate di stagionatura è necessaria per portare il contenuto d’acqua sotto la soglia del 20%. Un’estate umida si traduce in un mese aggiuntivo di stagionatura. Ricordiamo che il legno accatastato non spaccato, ma in tronchetti, richiede anche due mesi in più di stagionatura rispetto a quello spaccato, senza particolari differenze fra le specie.

accatastamento-legna-legnaia-bosco-vita-in-campagnaPer la disposizione e la spaziatura della legna adottate questi accorgimenti (vedi disegno):

  • posizionate sul pavimento dei «basamenti», per esempio dei bancali di legno, o anche dei semplici tondelli (a) che mantengano la legna sollevata da terra;
  • non addossate il materiale alle pareti ma mantenete una sorta di «intercapedine» ventilata di circa 10 cm (b);
  • per la stabilità della catasta fate in modo che alcuni pezzi di legno (uno ogni circa 50 cm in altezza) si appoggino al muro o alla pila precedente (c).

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Potrebbe interessarti anche

Gallina ovaiola alimentazione pascolo
La migliore alimentazione per le galline ovaiole mangime 25% mais franto 60% cruschello 12% carbonato di calcio o gusci d’ostrica 3% Inoltre, il pascolo libero o, in alternativa, la somministrazione quotidiana di verdure ed erbe entro rastrelliere, apporta una preziosa quota di… (continua)
impollinazione manuale actinidia 410×240
Come favorire l’impollinazione dell’actinidia Per un coltivatore hobbista il sistema più semplice consiste nell’impollinazione con polline prelevato da piante maschili. Allo scopo potete operare, a scelta, in diversi modi: prelevate dei ciuffi di fiori maschili con le mani e… (continua)

Approfondimento

carne-alla-brace-barbecue-vita-in-campagna-giardino-amici Giardino
Carne alla brace: cosa sapere su legna e cottura Chi ha un camino o può cuocere all’aperto lo sa, cucinare la carne alla griglia, pregustando il sapore di una buona cena tra amici, è sempre piacevole. Ma sappiamo davvero… (continua)
Rosa Sally Holmes da parco 410×240 Giardino
Come scegliere le rose per abbellire il proprio spazio verde Rose botaniche Queste rose (e i loro primi ibridi) – opera della natura e non dell’uomo – sono particolarmente scenografiche quando, in piena fioritura, illuminano qualsiasi angolo del giardino, anche… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER