Come accatastare al meglio la legna per la stufa o il camino

catasta-tettoia-immagine-in-evidenza
la Redazione
4 novembre 2016

Oltre a evidenti vantaggi estetici e pratici, posizionare la legna seguendo alcuni semplici criteri permette di disporne, all'occorrenza, con buone caratteristiche per la combustione

Il potere calorifico della legna dipende dalla quantità d’acqua che contiene ed è tanto maggiore quanto più è secca; è molto importante quindi la stagionatura dopo il taglio, pratica con la quale la legna è lasciata al sole e al vento per l’essiccazione. A tale scopo è necessario disporre di una tettoia o di un riparo coperto ma al tempo stesso ventilato.

Il quantitativo di legna da conservare dipende dal consumo medio annuo e bisogna tener conto che la legna con età di stagionatura superiore ai due anni non perde più umidità e quindi non è economico e funzionale avere grandi quantità che si accumulano nel tempo. Inoltre, di norma, la legna viene consumata nell’inverno successivo a quello del taglio: almeno un’estate di stagionatura è necessaria per portare il contenuto d’acqua sotto la soglia del 20%. Un’estate umida si traduce in un mese aggiuntivo di stagionatura. Ricordiamo che il legno accatastato non spaccato, ma in tronchetti, richiede anche due mesi in più di stagionatura rispetto a quello spaccato, senza particolari differenze fra le specie.

accatastamento-legna-legnaia-bosco-vita-in-campagnaPer la disposizione e la spaziatura della legna adottate questi accorgimenti (vedi disegno):

  • posizionate sul pavimento dei «basamenti», per esempio dei bancali di legno, o anche dei semplici tondelli (a) che mantengano la legna sollevata da terra;
  • non addossate il materiale alle pareti ma mantenete una sorta di «intercapedine» ventilata di circa 10 cm (b);
  • per la stabilità della catasta fate in modo che alcuni pezzi di legno (uno ogni circa 50 cm in altezza) si appoggino al muro o alla pila precedente (c).

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Potrebbe interessarti anche

immagine-copertina-taglio-abbattimento-410×240-copia
Taglio e abbattimento del bosco ceduo Le piante da abbattere vengono di norma individuate da professionisti abilitati o da personale degli enti delegati (Comunità montane, Servizi forestali provinciali o Corpo forestale dello Stato) e contrassegnate tramite una «specchiatura» della corteccia in… (continua)
Campionamento del terreno
Analisi del terreno: il campionamento Le caratteristiche del terreno sono molto variabili e non è possibile ottenere campioni omogenei e attendibili su superfici troppo vaste, superiori a 2 ettari. Dalla superficie da campionare vanno escluse le zone di terreno anomale per… (continua)

Approfondimento

Taglio con motosega Frutteto
Motosega: la cura della barra guida Prima di utilizzare la motosega, pulisci la scanalatura della barra con un piccolo cacciavite in modo da mantenere sempre liberi sia il canale di scorrimento della catena che i fori… (continua)
OLYMPUS DIGITAL CAMERA Giardino
I tanti vantaggi delle attrezzature con batterie al litio per giardinaggio Migliore manovrabilità Consentono la libertà di lavorare senza l’intralcio del fastidioso cavo elettrico che può aggrovigliarsi ed essere accidentalmente tagliato. Miglior comfort di lavoro L’assenza di odori sgradevoli li rende… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER