Melo: la rete antigrandine

Rete antigrandine su melo
la Redazione
28 aprile 2014

I meli su portinnesti deboli possono essere protetti dalla grandine facendo ricadere sui filari dei teli di rete antigrandine.

Se coltivate meli su portinnesti deboli, allevati a fusetto o palspindel, a maggio potete proteggerli dalla grandine semplicemente facendo ricadere sui filari la rete antigrandine e fissandola a qualche branca basale. Si tratta di un metodo molto semplice e facile da attuare, in virtù della piccola taglia degli alberi e della forma di allevamento sviluppata in verticale che permette alla grandine di scaricarsi bene dalla chioma. Per questa forma di protezione potete reimpiegare anche rete antigrandine dismessa da qualche vecchio impianto frutticolo.

La loro presenza non ostacola più di tanto i trattamenti antiparassitari che possono essere effettuati con le consuete modalità. Da recenti esperienze, poi, è emerso che le reti antigrandine così disposte attorno alla chioma sono un valido metodo di difesa contro la carpocapsa, il verme delle mele, i cui attacchi vengono con tale sistema quasi azzerati senza bisogno di trattamenti insetticidi.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

ciliegie big star 410×240 Frutteto
7 varietà di ciliegio adatte, in tutta Italia, al frutteto familiare Burlat (1): è un varietà che ha avuto le sue origini in Francia. L’albero è di buon vigore, è autosterile (vedi definizione in fondo all’articolo) e quindi, per produrre, ha… (continua)
Kaki Mela Varietà Hana Fuyu Frutteto
Kaki mela, le 4 principali varietà Vengono detti kaki mela quelli che risultano commestibili già alla raccolta o pochi giorni dopo e si mangiano quando sono ancora duri, tanto che si possono tagliare con il coltello al… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER