Progettare il giardino, un’attività impegnativa ma ricca di soddisfazioni

giardino-progetto-410x240_modifica
2 aprile 2019

Progettare razionalmente e con gusto lo spazio verde attorno casa è un lavoro importante, in quanto un bel giardino rappresenta il nostro biglietto da visita ed è lo spazio dove coltivare la propria passione per piante e fiori. Soprattutto, il giardino è il luogo dove trascorrere il tempo libero con la famiglia e gli amici

Progettare un giardino è un’operazione tecnica ed estetica, ma anche ecologica: solo rispettando la natura e l’anima del luogo e facendosi ispirare da essi, si può tutelare e, a volte cambiare in meglio, l’ambiente nel quale viviamo. Ecco pertanto che, nella fase di progettazione a tavolino, non bisogna improvvisare. Vi consigliamo perciò di seguire le seguenti indicazioni; nel caso non vi sentiste sicuri, rivolgetevi a un professionista del settore, che vi realizzerà il progetto nel suo insieme.

Occorre sapere com’è il terreno

Tra le prime operazioni che vanno effettuate prima della scelta delle piante vi è quella dell’analisi del terreno; dalle sue caratteristiche dipende infatti la buona crescita delle piante. Se possibile, fate analizzare il terreno del vostro spazio verde presso un laboratorio di analisi terreni, per conoscere le sue caratteristiche chimico-fisiche. È di fondamentale importanza conoscere parametri come, per esempio, il contenuto in argilla e sostanza organica, la presenza di sassi (il cosiddetto scheletro) e di macroelementi come azoto, fosforo e potassio, nonché la reazione, espressa in pH.

Prelevate perciò campioni di terra in diverse zone del giardino sino a una profondità massima di 30-35 cm, scartando i primi 5-10 cm; per una superficie di circa 1.000 metri quadrati sono sufficienti 10 campioni, che vanno mescolati omogeneamente tra loro in modo da ottenere un campione unico, rappresentativo della superficie, del peso di 8-10 kg. Ottenuto il risultato dell’analisi potrete correggere eventuali carenze del terreno e quindi procedere, di conseguenza, alla scelta delle specie arboree, arbustive ed erbacee.

Criteri per scegliere le piante

La scelta delle piante è un’operazione che non può prescindere dalla conoscenza delle loro esigenze e delle loro caratteristiche botaniche. È quindi assai importante sapere quali posizioni prediligono: soleggiate, semisoleggiate oppure ombrose; se vogliono terreno sabbioso, pesante o di altra natura, a reazione acida, neutra o basica; se danno il meglio di sé piantate a gruppi oppure come esemplare isolato; è importante sapere anche quali dimensioni raggiungono, così da prevederne gli ingombri una volta giunte a maturità, e quindi regolarsi a quali distanze porle al momento della messa a dimora. Lo spazio centrale del giardino e le parti non occupate dalle piante sono riservate al tappeto erboso.

progetto giardino carta millimetrataCarta millimetrata e matita in mano

Presa carta millimetrata, matita e righello, disegnate in scala le dimensioni del vostro spazio verde, riportando opere murarie come casa, box ecc., avendo cura di riprodurle il più fedelmente possibile. Adottate, come detto, una scala di riferimento, che consenta di riprodurre sulla carta millimetrata anche strutture non murarie, come per esempio il capanno degli attrezzi, se prevedete di realizzarlo. Solitamente, per facilitare calcoli e lavoro, si consiglia di adottare la scala di 1:100, dove cioè 1 cm sulla carta corrisponde a 1 metro nella realtà. È molto importante riprodurre in scala il progetto, perché è solo in questo modo che si possono realmente percepire ingombri (di opere murarie e piante), distanze e superfici di aiole, bordure e tappeto erboso, calcolarne i sesti d’impianto (cioè le distanze) tra le piante e così via.

 

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER