Coltivazione del porro: semina e trapianto

Porri in campo
la Redazione
26 maggio 2017

Il porro è un ortaggio che si trova negli orti familiari e, scegliendo bene le varietà, lo si può raccogliere per molti mesi. È gradito al palato perché più delicato rispetto alla cipolla

A maggio e a giugno seminate in contenitore le varietà di porro autunno-invernali, per ottenere piantine con pane di terra. Le piantine di porro sono pronte per il trapianto, 60-80 giorni dopo la semina, quando hanno raggiunto le dimensioni di una matita, presentano 3-5 foglioline e le radici trattengono bene il terriccio che costituisce il pane di terra. Le distanze d’impianto consigliabili sono di 40 cm tra le file e 15 sulla fila.

Il porro, viene coltivato nei più differenti tipi di terreno, ma predilige un terreno di medio impasto, fresco e contenente sostanza organica decomposta; può riuscire anche in terreni più sciolti e pure in quelli abbastanza compatti. È molto importante curare lo sgrondo dell’acqua, specialmente se avete terreni pesanti. Tenete pulite le aiole di porro dalle erbe infestanti.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER