Concimazione degli spinaci con fertilizzanti minerali

Aiola coltivata a spinaci
la Redazione
28 agosto 2014

Nelle coltivazioni di spinaci di norma è consigliabile evitare l’apporto diretto di letame o di compost. È meglio seminare gli spinaci dopo colture abbondantemente letamate o per le quali si sia impiegato compost. Gli spinaci, invece, richiedono l’apporto di fertilizzanti minerali.

La concimazione degli spinaci con fertilizzanti minerali va effettuata preferibilmente in due tempi: metà al momento delle lavorazioni di fondo e metà durante i lavori che precedono la semina con solo 25-30 grammi di perfosfato minerale-19 per metro quadrato e 20-30 grammi di solfato di potassio-50 per metro quadrato.

Va infatti ricordato che dello spinacio si consumano le foglie, ed è possibile che se si eccede con le concimazioni azotate (e anche organiche) si abbia al loro interno un accumulo troppo elevato di nitrati, sostanze che assunte in eccessiva quantità potrebbero essere dannose per la nostra salute. Seminando lo spinacio in terreni fertili o dopo una coltura concimata abbondantemente è bene quindi fare a meno di eseguire qualsiasi concimazione azotata, che potrà essere invece effettuata in suoli poco fertili e in casi di colture molto stentate. In questi casi, infatti, si possono distribuire in più volte 20-25 grammi al metro quadrato di solfato ammonico-20 (per esempio 7-8 grammi in tre volte) fino, al massimo, a un mese prima della raccolta.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?

Approfondimento

Piantina orto scottatura telo nylon pacciamatura – Vita in Campagna Orto
Trapianti estivi su teli pacciamanti neri, occhio alle scottature La coltivazione degli ortaggi eseguita con trapianto estivo su pacciamatura di teli neri può andare incontro a scottature delle piante. Se il trapianto è eseguito in fori molto piccoli, dai… (continua)
Piantina di rucola selvatica Orto
Rucola selvatica: caratteristiche, proprietà e differenze con quella coltivata Le rucole appartengono alla famiglia delle Crucifere. Come rucola selvatica sono utilizzate alcune specie: le più conosciute sono la Diplotaxis tenuifolia (che è la più diffusa) e la Diplotaxis muralis. Il… (continua)
Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di Vita in Campagna?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER